Intestazione
|
|
Stampa 
Visualizzazione NotizieVisualizzazione NotizieVisualizzazione Notizie
» cerca nel sito
 
 
 
il giovedì 17 settembre 2020 alle 23:34 - pubblicata da 70 giorni
,

Videoconferenza "Perché la terra ha la febbre" / 19 settembre ore 17.00

Sabato 19 settembre, alle ore 17, nell'ambito del Settembre Pedagogico, Mediateca Montanari, Comune di Fano e Iscop presenteranno il libro "Perché la terra ha la febbre. E tante altre domande sul clima" (Editoriale scienza, 2019) di Elisa Palazzi e Federico Taddia. L'incontro si terrà in videoconferenza al link https://zoom.us/j/95547086403 e sulla  pagina Facebook della Mediateca

Ma l'appuntamento è di quelli da non perdere. Elisa Palazzi è infatti una climatologa con un curriculum internazionale. Ricercatrice dell'Istituto di Scienze dell'Atmosfera e del Clima del CNR e docente di Fisica del Clima all'Università di Torino, specializzata in particolar modo nello studio dei cambiamenti climatici in montagna, è attualmente coinvolta in attività europee e internazionali come la European Climate Research Alliance (ECRA), la Mountain Research Initiative (MRI)  e in progetti H2020 sull’impatto dei cambiamenti climatici sugli ecosistemi montani e mediterranei. Ma assai preziosa è anche la sua attività divulgativa, di cui il libro presentato è un esempio. Scritto insieme al giornalista Taddia "Perché la Terra ha la febbre" è un testo pensato per i bambini degli ultimi anni della scuola primaria o per i primi della scuola secondaria di primo grado. Utilizzando la forma dialogica, attraverso le domande di Federico Taddia e le risposte di Elisa Palazzi, i lettori scoprono così cos'è il riscaldamento globale, a cosa serve l’atmosfera e di cosa è fatta, perché inquinamento e clima sono collegati e cosa possiamo fare a favore del pianeta.

A introdurre l'incontro sarà Marco Labbate. Dialogheranno con l'autrice due giovani studentesse fanesi, Matilde D'Errico e Margherita Di Placido, entrambe attiviste impegnate nelle mobilitazioni dei Fridays for Future.

La presenza all'iniziativa è riconosciuta mediante attestato valido ai fini della formazione in servizio dei docenti. Per le iscrizioni, inviare una mail a iscop76@gmail.com, indicando dati anagrafici, istituto di appartenenza e numero telefonico.